L’aquilone

Il giudice ancora non si esprime. Il mio diritto di visita per ora dipende dalle paturnie della mia ex moglie.
Da quando non frequentiamo più il centro di mediazione e non ci sono udienze prossime, ha ripreso a fare la stronza. Non come prima per fortuna ma sembra avvicinarsi lentamente allo standard.
Ho una paura fottuta di non riuscire a capitalizzare tutti i passi avanti fatti in questi mesi.
Cerco di tenere i toni bassi per quello che posso, senza farmi mettere i piedi in testa però.
Non è affatto semplice.

EX MOGLIE: Domani BBBBB ha una partita alle 14,10 alla Scuola calcio. Vanno a Toppe del Greco, puoi portarlo tu?
PAPERINO : Si
EX MOGLIE:: AAAAA alle 14,20 va alla Scuola calcio, li prendi tutti e due e poi vai con BBBBB, AAAAA lo riprendo io poi
PAPERINO: Ok, mancherò martedì e mercoledì poi. Sono fuori per lavoro.
EX MOGLIE: Devi venire a prenderli a casa della nonna PARLOSOLOIO.
PAPERINO: Mi sai dire quanto sono le tue spese per novembre per favore? te lo sto chiedendo da un po’.
EX MOGLIE: Ti faccio sapere, le tue?
PAPERINO: Le mie sono quelle che ti avevo detto già quindici giorni fa, più le 50 euro del dentista di BBBBB
EX MOGLIE: Le annulliamo con le mie 50 , anche quelle della scuola calcio.
PAPERINO: Le altre? Hai altro?
EX MOGLIE: Si qualcosa, ti mando il tot. Devo fare le fotocopie
PAPERINO: Ok, mi dici l’importo intanto ?
EX MOGLIE: Appena posso
PAPERINO: Sabato AAAAA era in un paese fuori città, tu sapevi nulla? Con chi è andato?
EX MOGLIE: Certo che sapevo, tu che senti i ragazzi non hai chiesto? e BBBBB domenica era allo stadio hai dato l’autorizzazione senza avvertirmi e i ragazzi erano con te. Avvertimi . Li prendi e li lasci senza farmi sapere.
PAPERINO: Ma se eri a casa quando li ho riportati. Ma perché dici queste fesserie?
AAAAA era fuori città con chi è andato?

DUE GIORNI DOPO
PAPERINO: Avrei bisogno di sapere le tue spese di novembre, la data dei colloqui e la password per il registro elettronico di BBBBB.
Te le chiedo da un po’ queste cose, se non vuoi darmele provvedo diversamente. Mi fai sapere per favore?
Per quanto riguarda i colloqui, dicesti che li avremmo divisi . Mi dici qualcosa?
EX MOGLIE: Ti ricordi delle cose quando vuoi tu. Le spese ti do quelle che ho sostenuto fino ad ora
(mi dà anche quelle dei primi giorni di dicembre, che andrebbero al prossimo mese da accordi. Non dico nulla)
I colloqui sono il 15 e 16. Io andrò ad entrambi
PAPERINO: Quindi non vuoi dividere?
Ti sto chiedendo queste cose da settimane, cosa significa quando vuoi tu?
Spese, colloqui, registro elettronico, e mi devi ancora dire con chi hai mandato AAAAA fuori città.
EX MOGLIE:: Per qualsiasi cosa ti farò avere il numero del mio avvocato, buona giornata. Parlerai con lui da oggi in poi
PAPERINO: Volentieri, ma le spese dobbiamo regolarle. Io ho anticipato soldi. Quando li hai anticipatI tu, avevI il conto pronto prima della scadenza del mese. Siamo a metà del mese successivo stavolta. Non mi pare corretto. Potresti fornirmi le spese almeno?
EX MOGLIE: Non mi riferisco alle spese
PAPERINO: Bene.
EX MOGLIE: Quelle te le do oggi.
PAPERINO: Per i colloqui? Parlo con l’avvocato? Vuoi dividerli o ognuno per conto suo?
EX MOGLIE: Io vorrei farli tutti, dipende dall’ affluenza che c’è. Poi si vede lì. AAAAA ha allenamento alle 14, lo porti Tu?
PAPERINO : Io sono a fuori città, torno stasera. Domani posso portarlo. Se non mi dai le spese entro stamattina, le scontiamo al prossimo mese.
EX MOGLIE: Mi devi dare le fotocopie tue firmate, le aspetto da tempo.
PAPERINO : Bene, a che ora sei a casa? Primo pomeriggio ci sei ? Se non ci sei, le metto nella buca delle lettere.
EX MOGLIE: Ti faccio sapere più tardi.

UN GIORNO DOPO ANCORA
EX MOGLIE:: Tu puoi portare AAAAA all’ allenamento oggi alle 17,45?
PAPERINO : Oggi, ci sono i colloqui. No? A che ora sono?
EX MOGLIE: Non so l’orario ancora
PAPERINO: AAAAA lo vado a prendere comunque. Posso portarlo, Mi allontano e poi ritorno.
Avrei bisogno di sapere dei colloqui cortesemente, fammi sapere se vuoi dividerli o meno.
EX MOGLIE: I colloqui sono alle 16.

Mi reco a scuola per i colloqui di BBBBB.

PAPERINO: Ci sono dei professori che vuoi dividere? Hai necessità di ore per pensarci? Io ho da lavorare, devo prendere AAAAA, mi puoi far sapere?
La password del registro se è un problema darmela, la chiederò in segreteria, grazie lo stesso.

Mi metto in fila dalla prof di matematica. Non c’è. Mi rendo conto che non conosco nessuno. E’ il primo liceo, sono cambiati i compagni, i genitori e i professori.
Sono uno sconosciuto tra gli sconosciuti. Per di più non so un cazzo di mio figlio.
Non sapere è una aggravante dell’essere sconosciuto. Non conoscere e non essere conosciuto. Nulla all’attivo e nulla al passivo. Zero assoluto, da qualche parte si deve pur cominciare, mi dico.

EX MOGLIE: Se hai fatto qualche prof dimmelo
PAPERINO: Sto da matematica. Non c’è ancora, pare abbia un po’ di ritardo.
EX MOGLIE: Io ho fatto scienze e ora Geo storia.
PAPERINO: Vorrei fare italiano e latino se faccio in tempo, prima delle 17,40 se devo andare a prendere AAAAA.
EX MOGLIE: Poi mi chiami e mi fai sapere qualcosa grazie. La password non ho avuto modo di cercarla.
PAPERINO: Certo

Faccio il colloquio con la prof di matematica. Non mi fa una buona impressione. Molto distaccata. Conosce a malapena i ragazzi. Non ricorda chi sia mio figlio dal nome. Neanche l’aspetto è granché. Piuttosto rozza nei modi e nell’aspetto.
Finito il colloquio chiamo la mia ex moglie. BBBBB non è come AAAAA, stenta. Ha preso un 4,5 al compito.

PAPERINO: Questa non li ricorda nemmeno. Ha visto sul registro per capire chi fosse. Dice che si deve impegnare di più . E’ normale all’inizio. Ho chiesto se avesse intravisto dei problemi particolari e mi ha detto solo che deve stare più attento. Le ho detto che si impegna molto e che riuscirà senz’altro.
Gli altri? Ha qualche problema?
EX MOGLIE: No, un po’ lentino. Per il resto si vede che studia e si applica
PAPERINO: Ha preso altri brutti voti?
EX MOGLIE: Non ha nessun problema. Ho fatto educazione fisica, tutto benissimo, e ora fisica. Tu?

Vado a parlare con la professoressa di latino.
Il colloquio va male. Mi dice che il ragazzo ha delle lacune che si porta da dietro. Lei teme che siano proprio lacune di italiano. Ha preso un cinque meno e la cosa che mi preoccupa è l’impressione generale che mi restituisce l’insegnante.
Ero un latinista, facevo delle gare di traduzione da ragazzo. E’ stata una pugnalata per me.
Comincio ad intuire perché la mia ex moglie non mi dà la password del registro elettronico.La chiamo.

PAPERINO: Latino 5 meno. Dice che ha notevoli difficoltà, andrebbe seguito. Proprio Latino …Vedi se lo convinci a farmelo seguire un po’.
EX MOGLIE: Notevoli difficoltà mi sembra eccessivo, con 5 -.
PAPERINO: Così dice, le sembra dovuto anche a problemi precedenti in italiano derivanti da una cattiva scuola media.
Le ho detto che sono un vecchio latinista nonostante faccia l’ingegnere ora e che vedrò di dargli una mano durante le vacanze. Se lui volesse… se mi dessi una mano.
EX MOGLIE: BBBBB dice che all’ interrogazione e andata bene. I compiti non li completa perché è lento, deve velocizzarsi un po’ per prendere un po di più.
Ma sta studiando tantissimo, fino a tardi spesso
PAPERINO: Dice che lo vede incerto, Non memorizza. Le ho detto che si impegna tantissimo. So che BBBBB si impegna.
EX MOGLIE: È un po’ timido. Non insicuro.
PAPERINO: Italiano, insufficienza grave in grammatica e 7 meno all’orale. Secondo lei non fa i compiti di grammatica
Le ho detto che è impossibile perché studia sempre e che lo controlli
Senti qua. BBBBB ha difficoltà. Se mi consentite, Penso di poter fare molto
EX MOGLIE: Mi consentite chi? Chi ti impedisce
Fisica benissimo

PAPERINO: Non mi impedisce nessuno, il problema è dirgli che lo devo seguire. Che è una cosa necessaria. Lo sai che lui dice di no.
EX MOGLIE: Ora vado io a parlargli a queste!!! BBBBB dice che quella di italiano non li controlla mai i compiti.
PAPERINO: Lei fa così. Non controlla. Fa direttamente il compito, come all’università
Facevano anche da me così, al liceo classico. Non controllavano mai i compiti
Credimi, le ho detto che i compiti li fa sempre. (Tento di rabbonirla, non voglio far passare l’idea che ce l’abbia con lei per i risultati)
Che studia e si impegna molto e che lo segui molto!
EX MOGLIE: Lui li fa sempre i compiti, infatti. Fisica è bravissimo
PAPERINO: Dice, che ha messo 7 meno all’orale proprio perché ha visto che studia. Deve imparare a esporre meglio.
EX MOGLIE: Anche in laboratorio va bene. E’ un po’ timido.
(BBBBB è tutto tranne che timido)
PAPERINO: Non metto in dubbio, proprio perché è bravo, deve imparare a studiare.
È tra le poche cose che so fare e lo so fare molto bene, potrei dargli una grande mano. Posso dirgli di latino, italiano, matematica, fisica, storia, inglese. Lo sai che posso farlo bene. Dammi una mano a farlo.
EX MOGLIE: Certo. Deve velocizzarsi. Purtroppo negli esercizi che non fa, ci sono i punteggi più alti. Deve imparare a studiare! Negli orali va bene.
PAPERINO: Certo che studia
EX MOGLIE: AAAAA lo segue e dice che le cose le sa.
PAPERINO: Come vuoi
EX MOGLIE: Deve essere più veloce e sicuro e poi i voti sono tutti bassi, anche dei bravi. E’ tutto proporzionato
Non mettono voti alti nella sua classe.
Hai detto del momento che sta vivendo ? Della separazione?
Parla tu con BBBBB.

Sa che BBBBB mi dirà che non vuole studiare con me. Mi viene lo sconforto. Mi aggiro con le spalle più vicine al pavimento, nella scuola sconosciuta. Cerco in giro qualche volto amico, non ne vedo. Ho capito perché non volesse darmi la password del registro elettronico. Avrei scoperto che BBBBB ha qualche problema. Che ne sarebbe stato del suo cavallo di battaglia? Persino davanti al giudice aveva pianto ed uscito le pagelle dei ragazzi. A luglio, poco prima della udienza preliminare per la separazione c’erano stati gli esami di terza media. BBBBB era uscito con un bel 9. Più del suo rendimento medio, probabilmente aveva fatto un buon esame. I successi del figlio erano un suo successo, nonostante lo stronzo del marito. Il tutto condito con un bel piantino commovente. Il giudice si era commosso.
Ma le medie sono un’altra cosa. Ammettere che il figlio ha dei problemi, per lei è una sconfitta oggi.
Che idiota. Come se ignorandolo, il problema si supera. L’importante è che non perda lei, non che il figlio stia meglio.
Credo di aver fatto due giri nella scuola pensando a queste cose. Non conoscere e non essere conosciuto mi aiutava a perdermi nei pensieri, come se potessi diventare sconosciuto a me stesso anche. Ho avuto la fortuna di saper studiare, AAAAA ha ereditato questa mia propensione. BBBBB è intelligente, volenteroso ed è vero che si sforza molto per riuscire. Fatica però.
Per anni ho avuto grandi difficoltà a rapportarmi con lui. Non lo avevo capito. Certe volte, quando vuoi bene ad una persona, ti preoccupi più di come possa farti felice che pensare a come possa essere felice lui. Il mio errore nei suoi confronti è stato proprio questo. Non capire come lui è felice. Adesso penso di averlo capito, paradossalmente solo ora che siamo lontani.
Negli anni stavo costruendo un muro tra me e lui. Oggi tento di aprirci una breccia
Ho parlato anche con Lorenza al centro di mediazione di BBBBB e delle difficoltà del mio rapporto con lui.
Ha sempre voluto fare i compiti da solo, rifiutava di farli con me anche alle medie. Non voleva il confronto. Probabilmente vedeva l’intesa che c’era tra me e suo fratello nel fare i compiti. Non riusciva a trovare lo stesso afflato con me, si rintanava nel suo guscio. Ero io che non riuscivo a valorizzare le sue capacità.
Pensavo a farmi fare felice da lui piuttosto che pensare che lui fosse felice.
Lorenza ed Antonella lo hanno conosciuto. Sono andate in visita a casa della mia ex moglie e c’erano i ragazzi.
LORENZA: Dovresti aiutarlo a far uscire la sua autostima.
Non ti arrabbiare con lui se non riesce.
PAPERINO: No, non mi arrabbio. Sono stato un fesso.
Lo pomperò.
LORENZA: Lui è un creativo
PAPERINO : Si sì credo di aver trovato la chiave ormai. Ricomincio da capo.
Lui è come un aquilone, lo terrò in aria. Lo farò volare alto.
Lui deve stare su e volare, quello è il suo posto. Non a terra con me.
LORENZA : Infatti, Si. Lui è uno che va oltre, tra un po’ vi fare respirare la polvere a tutti.
PAPERINO:  D’ora in avanti io soffierò per il mio aquilone.

Annunci

16 thoughts on “L’aquilone

  1. Che belle parole quelle su BBBB, mi chiedo sempre quanto sbaglio con mio figlio grande (terza media), quanto non sono capace di farlo volare ma mi sento di affossarlo. E’ distratto, disordinato, disorganizzato e il tutto si ripercuote sull’andamento scolastico, così i voti diventano motivo di frustrazione per tutti. E’ un ambito in cui mi sento veramente un disastro come madre, sono sempre su un altalena: a volte urlo, mi arrabbio, lo “punisco”, lo aiuto nello studio perchè non ha metodo ma come lo mollo un attimo torna indietro. Cerco di riflettere a fondo su questo ma non trovo mai una soluzione. Mi piace il tuo approccio, cercherò di migliorare in quella direzione. 🙂 Valeria

    Mi piace

      1. Sì sono d’accordo. Diciamo che alle elementari la sua autostima è stata disintegrata da due incompetenti e io probabilmente ho anche dato una mano. Dalle medie, l’incontro con qualche professore più strutturato e lungimirante ha aiutato, ma ci sono ancora momenti di defaillance. Comunque complimenti per i passi avanti con i ragazzi, mi sembrano veramente sostanzioni.

        Mi piace

  2. I figli sono una grande interpellanza alla nostra vita, sfidano la nostra libertà come uomini e donne , richiedono di essere presenti e di essere veri, perché poi succede che vivono rinunciando alla realtà perché nessuno gli insegna il metodo giusto: entrare nella realtà con fiducia perche c’è uno che ti abbraccia e ti accompagna…È il tuo stesso bisogno…ciao

    Mi piace

    1. Dici che è una sfida la loro? Credo che sia un diritto per loro . Per noi una opportunità di metter fuori il meglio di noi stessi. Come quando hai degli ospiti importanti a casa, ospiti a cui tieni. Metti fuori il servizio buono, il miglior vino e tutto ciò che di meglio puoi offrire pensando solo a farli stare bene.

      Mi piace

  3. Scontrini, fotocopie, colloqui … non c’ è grazie, non c’ è grazia. no buongiorno. Non c’ è amore neanche per ricordo, tutto molto triste.
    C’ eravamo tanto amati. Coraggio Paperino, non mollare mai.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...