I Testimoni

Mi è arrivata la memoria che ha preparato Mario. La metto in coda a questo post.

Quando la ha inviata ero fuori per lavoro e non ho potuto controllare nulla . Peccato, mi son detto. Ne avrei voluto parlare, capire, chiedere. Non sarei riuscito a dialogare bene per telefono. Mario non è per nulla tecnologico . Una video chiamata non si poteva improvvisare. La sfiga ci mette il suo, ho pensato.

Oggi ho scoperto che il termine non era il tre di febbraio ma il tredici. Con Mario è così.

Non so se abbiamo dato un vantaggio all’altra parte, ma ormai. Il mio amico Francesco mi ha detto che comunque dalla presentazione delle memorie ci sono venti giorni per fare delle aggiunte. Non cambia un granché. Potrò fare qualche correzione e sentirmi con Mario magari. Cambia solo che per conoscere le memorie dell’avvocato della mia ex moglie c’è da attendere qualche giorno ancora.

Noi si è preparato la sfilata dei testimoni. Dovrebbero testimoniare sul fatto che la mia ex moglie apra e chiuda il negozio di suo fratello, pur risultando disoccupata.

Si chiede anche conto dell’affitto di una casa di sua proprietà. A luglio ha dichiarato di non percepirlo lei, ma suo Padre SUONAVUOTO. Come se dicessi che il mio stipendio non lo prenda io, lo passi a mio padre.

Se va bene potrei riguadagnare una cento euro sul congruo mensile che le passo.

Adesso aspetto le memorie di lei per capire da cosa mi dovrò difendere nello specifico.

Dovrebbe portare le prove per cui chiede l’addebito, i danni morali, biologici e tre stipendi, non uno. Sensibilmente di più di quanto guadagno.

Spero che rinsavisca e non faccia testimoniare i ragazzi almeno. O che sia rinsavito qualcuno nei suoi paraggi. Un miracolo considerando l’allergia al buon senso dell’entourage.

Aspetto. Rispetto a luglio ho raggiunto già un buon risultato. Grazie al grande lavoro delle Mediatrici vedo costantemente i miei ragazzi e ho riattivato il rapporto con loro.

La loro relazione al Giudice è stata molto più annacquata di quello che sperassi. La signora CHIEDIALORONONAME ne è uscita da regina quasi.

Il tempo passato farà ulteriore diluizione e si aggiungerà la mediazione del giudice che aveva già mostrato sensibilità per le lacrimucce della signora. Mediando e diluendo dovrò ripartire da quello che ho conquistato già ora, che comunque non è poco. L’udienza non credo porterà nulla di nuovo. Se dovesse portare qualcosa in negativo rispolvererò Nonna Angela, che quando i guai si sommavano diceva in dialetto:

per quest’altro deve essere?

 

TRIBUNALE CIVILE DI PAPEROPOLI

ILL.MO SIGNOR GIUDICE ISTRUTTORE = DOTT. CITTO

* * *

MEMORIA EX ART. 183 CO. 6 N. 2

per

il sig. PAPERINO, con l’avv. MARIO ARGUTI

-attore/convenuto-

nei confronti de

la sig.ra EX MOGLIE CHIEDIALORONONAME, con gli

Avv.ti STIRO e AMMIRO SEMPRETISI;

-attrice/convenuta-

nel giudizio civile iscritto al n. XXXXX

al quale è riunito il giudizio civile iscritto al n. YYYYY

aventi entrambi come oggetto “la separazione giudiziali di coniugi”.

* * *

Con il presente atto si formulano le richieste istruttorie che s’intendono sottoporre al vaglio dell’On.le Tribunale per l’ammissione.

Si deferisce interrogatorio formale a EX MOGLIE CHIEDIALORONONAME sulle seguenti circostanze:

  1. << vero che da molti anni ha svolto e svolge attività lavorativa di commessa presso il negozio di abbigliamento denominato “IL TIRETTO”, il cui titolare è CHIEDIALORONONAME ALBERTO, sito in PAPEROPOLI alla via LACOMUNE 12
  2. << vero che lei riceve e serve coloro che entrano nel negozio per vedere, provare e acquistare i prodotti di vestiario e gli accessori in vendita; che si interessa della sistemazione dei prodotti in vendita negli appositi spazi esistenti nel negozio e di tutte le altre attività collegate alla vendita al pubblico degli articoli presenti, compreso l’incasso del prezzo pagato dai clienti e l’applicazione di sconti >>;
  3. << vero che per l’attività di commessa, su cui è stata già interrogata con le precedenti domande, percepisce una retribuzione periodica >>;
  4. << vero che lei è proprietaria di un immobile ad uso abitativo sito in  – rione ZUPPA al viale CAPANNINA >>;
  5. << vero che lei ha concesso in locazione l’immobile indicato nella precedente domanda che le è stata posta >>;
  6. << vero che percepisce dal conduttore il canone mensile di euro 475,00 >>.

Si chiede che venga ammessa prova testimoniale sulle seguenti circostanze:

  • << vero che lei si è recato più volte nel negozio di abbigliamento denominato “IL TIRETTO”, il cui titolare è CHIEDIALORONONAME Alberto, sito in alla via LACOMUNE 12 >>;
  • << vero che in tali occasioni è stato servito da EX MOGLIE CHIEDIALORONONAME, che in questo negozio svolge lavoro di commessa, la quale le ha mostrato e fatto provare i capi di abbigliamento e gli altri prodotti che le interessavano, l’ha aiutata nella scelta e alla quale ha pagato il prezzo dei prodotti che ha acquistato >>;
  • << vero che EX MOGLIE CHIEDIALORONONAME lavora da diversi anni presso il negozio di abbigliamento denominato “IL TIRETTO”, il cui titolare è CHIEDIALORONONAME Alberto, sito in PAPEROPOLI alla via LACOMUNE 12 >>.

Si indicano quali testi i sigg.ri Roberto Ansioso, Pierluigi Pacioso, Francesco Paperino, Stefano Cuci, Augusto FINI, Francesco FINI, Nicola Spino, Cosimo Avena, Davide Ambasciatori, Maurizio Durmìn, Antonio Coriandolo, Riccardo Salus, Giovanni Furfanti, i quali si chiede che siano ascoltati sui seguenti capitoli riportati nella tabella appresso indicata:

Roberto ANSIOSO

1, 2 e 3 ===========================

Pierluigi PACIOSO

1, 2 e 3 ===========================

Francesco Paperino

1, 2 e 3 ===========================

Stefano CUCI

1, 2 e 3 ===========================

Augusto FINI

1, 2 e 3 ===========================

Francesco FINI

1, 2 e 3 ===========================

Nicola SPINO

1, 2 e 3 ===========================

Cosimo AVENA

1, 2 e 3 ===========================

Davide AMBASCIATORI

1, 2 e 3 ===========================

Maurizio DURMIN

1, 2 e 3 ===========================

Antonio CORIANDOLO

1, 2 e 3 ===========================

Riccardo SALUS

1, 2 e 3 ===========================

Giovanni FURFANTI

1, 2 e 3 ===========================

In via istruttoria si chiede che l’On.le Tribunale voglia disporre che la Guardia di Finanza e l’Ispettorato del Lavoro svolgano i dovuti e opportuni accertamenti sull’attività lavorativa di CHIEDIALORONONAME EX MOGLIE, relazionando in merito.

Ai sensi degli artt. 201 e 213 c.p.c. si chiede che l’On.le Tribunale voglia ordinare all’Agenzia delle Entrate di PAPEROPOLI, nella persona a ciò deputata, di esibire e produrre, e comunque chiedere informazioni, sul contratto di locazione di CHIEDIALORONONAME EX MOGLIE (ovvero, se accaduto, stipulato da CHIEDIALORONONAME Suonavuoto (padre) e/o PARLOSOLOIO Addolorata (madre) relativo all’immobile ad uso abitativo sito in Paperopoli – rione ZUPPA al viale CAPANNINA

Si offrono in comunicazione e producono i seguenti documenti: a)- lettera raccomandata a.r. n.XXXXX del 27.10.2015; b)- lettera 26.4.2016 a firma Paperino; c)- scheda di consulenza/prestazioni del pronto soccorso dell’ospedale di Paperopoli del 24.8.2015; d)- dichiarazione del 13.7.2016 del legale rappresentante della Pensa Spa; e)- dichiarazione del 30.1.2017 del legale rappresentante della Pensa Spa; f)- perizia di trascrizione registrazione audio del 10.6.2016 dell’arch. Anna Messainpiega.

Brindisi, 2 febbraio 2017

avv. Mario ARGUTI

Annunci

10 pensieri riguardo “I Testimoni

  1. Qui nel sud è molto diffuso il lavoro in nero…molte famiglie campano grazie a quello a talpunto da considerarlo una normalità. Molte separazioni dove ladonna è casalinga comporta la scelta o la necessità di lavoretti in nero. Ne vedo tanti di casi. Ciao e buona giornata.

    Mi piace

    1. Siamo in una situazione un po’ diversa. La mia ex moglie manda avanti il negozio, non è la casalinga che fa il lavoretto per arrotondare. Il fratello gioca a fare il manager e preferisce i divertimenti al pagamento dei contributi.

      Mi piace

  2. fai sentire al giudice le registrazioni, se si commuove troppo per le lacrimucce.
    E comunque un giudice decide l’assegno di mantenimento in base anche allo stipendio. Quindi non può essere tre volte quello che guadagni. E ci sono state signore (anche al sud) che si son sentite dire:”si cerchi un lavoro” In questo caso diranno:”si faccia pagare per il lavoro che dice di avere fatto gratis finora”
    I giudici non sono così cretini, voglio sperare.

    Mi piace

    1. Non è tre volte quello che guadagno. Vorrebbe il triplo di quello che ha stabilito il giudice in base alla mia dichiarazione dei redditi. Quello che vorrebbe è di più di quando guadagno. Dovrei trovare un secondo lavoro per pagare solo lei.

      Mi piace

      1. ma il giudice confermerà quello che stabilito, vedrai.
        E credo che se deve capire cosa sia il bene dei ragazzi, forse ascolterà le registrazioni.
        Aspetta, non essere pessimista. Va bene che in italia hanno sempre ragione le donne, ma c’è un limite a tutto.

        Mi piace

  3. Un dubbio. Parlare di tutto questo e pubblicare memorie, seppur con le dovute attenzioni, non potrebbe rivelarsi controproducente? Qualcuno potrebbe riconoscersi e mi pare che alcuni attori di questa storia potrebbero non prenderla bene

    Mi piace

    1. Sto provando a salvare il fegato in questo modo. Sarebbe scoppiato. Ho trovato uno sfogo Pacifico.
      Il tuo dubbio è legittimo . L’ho messo in conto . Se dovesse accadere ne subiró le conseguenze. Sperando di non farmi molto male.:-)
      Non sono diverso nella vita di tutti i giorni. Non le mando a dire le cose . Sono fastidioso. Mi crea più di qualche problema. Speriamo di sopravvivere . 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...